Divorzio all’islamica a viale Marconi- Amara Lakhous

In questo periodo ho letto molto e raccontato poco sul blog le mie letture. Comincio dal libro più facile: Divorzio all’islamica a Viale Marconi.
Sì simpatico. Detto così, come si dice di quelle ragazze che belle non sono, ma che non sarebbe nemmeno giusto definire delle racchie perché sono gentili, “carine”, simpatiche appunto.
Mi aspettavo di più dopo il primo libro “’Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio”. “Divorzio all’Islamica” ha il pregio di parlare con semplicità e dal punto di vista degli immigrati di questioni che la nostra società fatica ad affrontare in maniera lucida ed immediata e fatica anche ad elaborare nel tempo.
L’autore sa invece (naturalmente, visto chi scrive) toccare il “vero” con grande facilità. Via gli assurdi richiami ideologici, via il populismo, via il buonismo…..e tutti gli altri “ismi” che non consentono di parlare di immigrazione con l’obiettività che si concede ad altre questioni di rilievo. Via anche l’ingombro di una massa senza nome e senza volto, così utile alle strumentazioni dei partiti. Gli immigrati qui hanno nomi e tratti somatici bene determinati….non troppo diversi da quelli degli italiani….e perfino da quelli di attori americani. Con il suo racconto sincero, non di parte, l’autore mi ha ricordato con grande nostalgia i giorni in cui passavo ore a parlare con gli stranieri in un bar, in un giardino pubblico, allo smorzo. Nostalgia per un periodo di vita in cui i tempi erano più lunghi, più dilatati.
L’autore ha la capacità di distinguere tra tradizioni discutibili (l’uso del velo) e tradizioni inaccettabili, da cancellare al più presto (le mutilazioni genitali). Fa sorridere spesso, con i suoi personaggi così veri che mi sembra di averli conosciuti in quel periodo di cui parlavo.
E in questo il libro ha un valore didattico enorme per chi non ho mai avuto la possibilità di avvicinarsi realmente a certe realtà.
Però il libro, come libro, non decolla, non è un romanzo. Resta slegato e il finale a sorpresa è precipitoso e, a mio avviso, regge poco. Forse, a pensarci, sarebbe stato meglio che l’autore seguisse la formula della raccolta di racconti.

Mi piace molto una riflessione che l’autore ci propone per bocca di Safia, un’immigrata egiziana:

“L’immigrazione non è in fin dei conti una forma di gioco d’azzardo? Vincere tutto o perdere tutto?”

Advertisements

1 Comment

  1. maura said,

    January 3, 2011 at 12:20 pm

    Hai ragione “Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio” era più divertente con quel suo gioco di equivoci tipico delle migliori commedie americane. Questo mi è sembrato più un saggio che un romanzo.
    Ha, come dici, il merito di dare voce agli immigrati. E’ interessante quando racconta della gerarchia tra cittadinanze o mette in rilievo lo scontro generazionale tra il titolare del call center e il figlio nato e cresciuto a Roma. Tuttavia, leggendo il libro ho avuto l’impressione che l’autore abbia voluto raccontarci quello che vogliamo sentirci dire sugli immigrati, soprattutto di origine islamica (il velo, le mutilazioni genitali, il ripudio). Non nego che esistano queste realtà, ma mi è sembrato che abbia indugiato troppo sugli stereotipi. Come quando si rappresenta il Sud d’Italia solo in un certo modo.
    Ringrazio, comunque, chi me l’ha regalato, soprattutto per le risate che mi ha strappato Nonno Giovanni 😉


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

%d bloggers like this: