Neologismi

Oggi ero a un convegno in un posto “importante” con ospiti illustri. Sul palco il meglio della ricerca nazionale in un certo ambito. Tutti molto bravi. Tutti molto convinti di essere bravi. Eppure ho sofferto. Indicibilmente sofferto. Lo so anche a me, che lavoro in un ambito un po’ diverso, ormai capita sempre più spesso di parlare e scrivere in inglese, ma forse mi salvo ancora.
I diversi relatori oggi hanno infilato una collana di perle meravigliose di “angliano”:

splittare=dividere

lavoratori domestici= nel senso di lavoratori autoctoni (domestic), niente a che vedere con le colf

variabili affettate= variabili influenzate (affected variables)

prodotti deliverati= prodotti consegnati

issue= tema, argomento

livelli di educazione= livelli di istruzione

la migliore però è senz’altro:

donne skillate= donne altamente qualificate

Advertisements

2 Comments

  1. maura said,

    March 17, 2010 at 10:52 am

    Io dò l’Oscar a donne skillate 😉

  2. millecose said,

    March 19, 2010 at 11:16 am

    Io ODIO assolutamente questo modo di parlare. Quando qualcuno comincia a parlarmi in questo modo il mio cervello comincia a vagare per altri luoghi e la mia testa si limita ad annuire. A volte mi espongo e dico che non capisco, ma non posso mica farlo per ogni cosa! Così preferisco aspettare che la tortura finisca e allontanarmi il prima possibile.
    Splittare, skillare (o skillate)…ormai le sento quasi tutti i giorni.
    Ma parla come mangia, si direbbe dalle mie parti!


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: